10 minuti di lettura (1951 parole)

Game of Thrones 8x05: il giorno in cui il cielo cadde su Approdo del Re (Recensione)

Game of Thrones 8x05: il giorno in cui il cielo cadde su Approdo del Re (Recensione)

 Dalla prima stagione Viserys raccontava a Daenerys del giorno in cui avrebbero ripreso ciò che era loro...il giorno in cui avrebbero conquistato di nuovo Approdo del Re e vendicato tutto ciò che avevano fatto alla loro famiglia. Quel giorno è infine arrivato; ma niente è andato come se lo immaginava il compianto Viserys. Vediamo nel dettaglio ciò che è successo nella puntata più pazzesca mai trasmessa di Game of Thrones.

Le puntate di Game of Thrones in questi anni ci hanno trasmesso ogni tipo possibile di emozione; anche nei momenti più brutti ed orribili da vedere come le Nozze Rosse c'era sempre qualcosa che univa il filo logico degli eventi...ma da questa puntata in poi niente è più come sembrava fino ad ora. Tutte le carte sono state sovvertite e mai come adesso è incerto chi regnerà alla fine sui sette regni.

Recitazione inoppugnabile dei personaggi principali (Emilia Clarke e Lena Headey su tutti) regalano alcuni momenti intensi; ma questo assieme alla fotografia e agli effetti, speciali seppur eccellenti, non basta a tappare alcune falle di trama di questo episodio che, ovviamente, stanno già dividendo i fan tra chi non le nota e chi non riesce a giustificarle in nessun modo.

E' innegabile che la serie in questi anni sia cambiata molto: quando George R.R.Martin ha lasciato la cooperazione con la stesura della serie per dedicarsi solo ai libri. Seguendo lo stile dell'Autore delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco la serie aveva il suo stile narrativo, che da sempre dava più importanza ai personagi e alle loro motivazioni piuttosto che alla trama in sé; ma quando i libri sono stati raggiunti e superati e solo Benioff e Weiss si sono occupati della stesura degli episodi tutto è cambiato. I due showrunners hanno infatti deciso di insistere decisaemente di più sulla spettacolarizzazione del prodotto e sulla necessità di proseguire con la trama e conseguentemente i personaggi sono stati ridotti a pedine destinate ad andare obbligatoriamente da A a B.

Un esempio lampante di questo è stata la storyline di Dorne, tutta quanta un casino assurdo. Ditocorto che porta Sansa su un piatto d'argento dai Bolton per poi vederla fuggire andare da Jon e poi ripartire a conquistare la sua ex casa.

Cersei fa saltare in aria il tempio nella capitale e nessuno dei nobili miracolosamente scampati alla morte ha qualcosa da ridire?  E la situazione non è migliorata in questa ottava stagione finale: la logica e la complessità degli eventi vengono sacrificati sull'altare della necessità di proseguire la trama. Ma se pur tutto si può comprendere, anche se a fatica, pensando che tutto sta andando verso la fine e bisogna necessariamente accelerare la trama; arriva un momento in cui anche la pazienza di un fan affezionato dice BASTA.

 Iniziamo dal principio: in un tempo inferiore a 10 minuti perdiamo uno dei più grandi personaggi della saga, il ragno tessitore. Quando inizia l'episodio Varys, che assieme a Ditocorto è stato un grande giocatore del gioco del Trono, sta scrivendo una lettera in cui scrive della reale identità di Jon Snow.

A chi sarà diretta questa missiva? Uno dei candidati più probabili al momento sembra essere il nuovo principe di Dorne di cui lui stesso parlò nello scorso episodio; ok non lo abbiamo ancora visto ma questo non vuol dire che non possa decidere di appogiare Jon a scapito di Daenerys. In fondo Jon per nascita ha più diritto di lei al Trono di Spade.

Non ci è dato di saperlo al momento perchè Tyrion ha la geniale idea di dire a Daenerys, che sembra ormai il fantasma di se stessa, che è stata tradita. Ovviamente lei pensa subito a Jon Snow, perchè è lui la primaria minaccia per lei...ma Tyrion fa il nome di Varys e così per il povero eunuco arriva il momento della dipartita. Come preannunciatogli da Melisandre...anche lui è morto quindi in un paese non suo. Viene giustiziato di notte sulla spiaggia...drogon esce dall'oscurità e tutto si compie. Varys lascia questo mondo non prima di aver detto a Tyrion che spera di sbagliarsi e spera di meritarlo.

Si perde così in un modo quasi puerile per una spiata dell'amichetto suo uno dei migliori giocatori mai avuti nella serie.Lui voleva il bene del reame e per questo ha pagato il prezzo più alto. Ha provato anche ad aprire gli occhi a Jon Snow, ma ormai è troppo zerbino lui per capire che va fatto.

Eppure quando Daenerys tenta di manipolarlo ancora di più per metterlo contro Sansa qualche dubbio dovrebbe averlo..

"Lei sapeva lo ha detto a Tyrion di te e lei ha ucciso Varys come me..."

Ma grazie all'educazione di Ned, che il cielo lo benedica, Jon non cade ancora di più nel trappolone della zia...però si rifiuta sessualmente a lei. E non la prende bene zia visto che si prepara a fare un massacro. Anche se Tyrion povero stolto che non è altro ancora spera che se sentirà le campane della resa si fermerà...

Nella notte uno dei momenti più toccanti della puntata: Tyrion va a liberare Jaime, che gli uomini di Daenerys avevano catturato vicino alla città per liberarlo. Jaime di nuovo prigioniero come quando era stato catturato da Robb...Tyrion che gli restituisce il favore

Arriva quindi la mattina dell'attacco e con una tensione che si taglia con la lama mentre il popolo cerca riparo dentro le mura della fortezza rossa gli eventi iniziano a muoversi: dal cielo nuvoloso col sole alle sue spalle sbucano Drogon e Daenerys.

In una scena tra lo spettacolare e il ridicolo la madre col figlio spazzano via in un attimo o quasi la flotta di Euron. Il Kraken viene sconfitto in un battito d'ali, non si capisce perchè non abbia fatto così la volta scorsa Daenerys ma spazza via tutto quanto...dal mare poi piomba sulle mura e brucia e distrugge uno dopo l'altro gli invincibili scorpioni. Tre minuti ed esplode anche la porta d'ingresso della città davanti a cui si era schierta la compagnia dorata. Il più potente esercito mercenario mai visto proveniente da Essos spazzato via in un nanosecondo, tanto casino per nulla...

 Entrano Gli immacolati, Verme Grigio, i dotraki e gli uomini del Nord con Jon. Mentre Daenerys prosegue la distruzione dei suoi nemici, l'esercito lannister si arrende....suonano le campane ma lei non le ascolterà. Ebbra di furia e rabbia ormai corrotta dalla sua paranoia comincerà un vero e proprio massacro. Lei con Drogon e Vergme Grigio con gli uomini a terra, è quasi ridicolo come Jon prova a far ragionare tutti...un uomo che è solo la parodia di se stesso forse stavolta capirà chi è "La sua regina"?

L'arrivo della pazzia di Daenerys era una cosa molto "telefonata" da tempo, non penso si sia sorpreso nessuno più di tanto. Piuttosto ha reso assurdo il modo con cui è stato reso questo suo cedere al lato oscuro. La sola cosa lascia spiazzati è la velocità assurda con cui viene reso questo cambiamento, non consente di apprezzarne completamente la drammaticità. Ne esce una figura violenta, ebbra di furia e pazza; ma non disperata...una regina esule che voleva solo essere amata, una casa.

Contemporaneamente arrivano in città dentro la fortezza rossa Arya eil Mastino, che in un attimo d'affetto sincero dice ad Arya di andare via che non deve ridursi come lui. Deve scegliere la vita non la morte. Sono fantastici loro assieme si vogliono un gran bene anche se non se lo sono mai detto. Nel saluto di Arya "Sandor, grazie" c'è tutto... E finalmente avviene lo scontro atteso e "telefonato" da una vita: Sandor contro La Montagna...metafora del bene contro il male. Vincerà il Mastino ma sacrificherà se stesso nel farlo, poco importa doveva essere così. RIP Sandor uno dei personaggi migliori e ben caratterizzati dell serie. 

loading...

 In tutto questo caos Jaime ha modo di raggiungere la capitale, vuole disperatamente andare da Cersei. Sul suo cammino si porrà Euron, che non si capisce bene come si sia salvato dall'attacco di Drogon. I due si sfidano in un duello mortale. Euron ferisce all'addome due volte Jaime; ma l' ossessione per Cersei è più forte di tutto...riesce ad abbattere Euron e a trovare la sua amata Cersei. Ma perchè cavolo è morto così Euron? Sarebbe stato equo e giusto che lo uccidesse YARA! Avete presente? Un altro personaggio che la serie si è misteriosamente dimenticata...

Jaime e Cersei si ritrovano: è poetico e drammatico che muoiano così, assieme, ma non  soddisfa a pieno lo spettatore questa doppia morte. E' un momento toccante e importante più per la bravura dei due interpreti che per la scrittura del momento. 

Cersei ci è stata presentata per otto stagioni come il nemico finale, la più cattiva di tutti e muore così? Come un topo? Possibile che Cersei non avesse previsto un piano B di riserva nel caso che avesse iniziato tutto a precipitare? No non si manda giù che un personaggio così, interpretato da una strepitosa Lena Headey, abbia una morte così delicata e romantica....avrebbe dovuto morire molto molto peggio.E Jaime? Si ha la sensazione che sia un personaggio violentato anche lui in questo finale. Non rende proprio giustizia a tutta la sua evoluzione che vada a Nord a "combattere per i vivi" e poi tempo un nanosecondo torni da Cersei? Gestire meglio il suo finale non avrebbe dato una sensazione migliore nel modo con cui era caratterizzato? Totalmente ignorata dalla serie è stata la profezia del Valonqar. 

 Intanto che la distruzione della città procede in un fiume di fuoco e sangue, esplodono alcuni dei depositi di altofuoco che proprio il padre di Daenerys anni prima aveva nascosto in giro per bruciare tutti quanti. Jon si trova ancora impotente in un conflitto, scambiando un'occhiata con Ser Davos decide di portare gli uomini fuori dalla città. Avrà capito che è stato un massacro che era evitabile? Se solo avesse accettato prima il suo destino tutto questo non sarebbe successo...Questo gesto potrebbe farlo additare come traditore da Daenerys, sicuramente per lui si prospetta un episodio finale non facile. Fino ad ora è stato un personaggio inutile ombra di se stesso. Avrà la forza necessaria per impedire a Daenerys di uccidere inutilmente ancora? Tyrion di nuovo si trova a camminare per la città devastata, avrà finalmente capito l'errore madornale ha fatto? O l'astuzia che aveva un tempo si è disintegrata definitivamente? 

 Arya si muove in giro per Approdo del Re tra il popolo, il suo punto di vista ci consente di vedere cosa passa il popolino. E sopratutto le consente di capire che i Draghi, che aveva osservato con ammirazione all'arrivo a Winterfell, sono solamente un'arma di distruzione di massa. Grazie a lei ci rendiamo conto che a centinaia muoiono per colpa delle decisioni di Daenerys, sono le vittime silenziose di ogni conflitto. Lo sguardo di rabbia con cui guarda il drago in volo sopra di lei dopo aver visto l'orrore supremo che la circonda potrebbe portarla ad avere un nuovo nome nella sua lista...forse Arya ha adesso una nuova Regina da uccidere?4Quando riprende conoscienza ferita e sanguinante trova un cavallo, quasi sembra portatole dal fato...la porterà verso la vita o il signore della luce ha per lei una nuova missione?

Sette giorni queste ultime domande avranno risposta; sette giorni e calerà il sipario, in bene o in male, sulla serie più amata degli ultimi anni che ha cambiato per sempre la storia della televisione.

Per rimanere aggiornati sulla serie non dimenticate di mettere mi piace alle pagine Facebook:

 Jon Snow the bastard ItaliaNikolaj Coster-Waldau ItaliaReclamo un processo per Singolar Tenzone

Game of Thrones 8x05: Lena Headey sugli eventi del...
How To Get Away With Murder rinnovato per la sesta...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli